LEGGEREZZA…PERCHÈ NO?

Viviamo un periodo storico, come tanti altri in passato, dove per molti la percezione del “vivere” é difficoltà e pesantezza.

Spesso nella ricerca del trovare il proprio posto nella vita e di uscire dall’insoddisfazione, i sentimenti e le percezioni che più vengono messi in gioco sono la paura, la pesantezza delle situazioni, il senso di  inadeguatezza, la difficoltà di comunicazione, il senso di impotenza, il dovere, il giudizio, le aspettative, l’adeguamento forzato al “pensiero generale di quel che é giusto fare”.

Come uscire da questa modalità?

L’autoironia e la leggerezza sono un valido e potente aiuto per attraversare le situazioni emozionali sopra elencate e che quotidianamente si presentano.

Il “prendersi in giro” e il ridimensionamento delle proprie e altrui azioni sono un modo di SCEGLIERE come affrontare la giornata.

Se ti rendi conto di sentirti troppo serio e pesante….molla, lascia andare, respira e chiediti: “questo é il momento che desideravo vivere?”

Rilassati … e diventa come Dudu 🙂

Leggerezza del pensiero non è faciloneria, nè superficialità, ma indice di grande profondità e radicamento nel contesto quotidiano, attraverso cui si veicola positivamente l’energia.

Utilizza la leggerezza per toglierti i carichi che la vita di tutti giorni ti porta ad accumulare…viaggia con un bagaglio leggero per ritrovare vigore, forza e rinnovarti sempre.

La risata di cuore è portatrice di ossigeno a tutte le cellule del nostro Essere, allenta la tensione e ti riporta alla realtà con un atteggiamento più chiaro, ridimensionando le situazioni alle quali avevi dato una eccessiva importanza.

Se c’é una soluzione perchè ti preoccupi? Se non c’é una soluzione perchè ti preoccupi?

Aristotele




vorrei farla mia almeno una volta al giorno

Quanto tempo quotidianamente è perso nel risentimento, nella preoccupazione, nella rabbia, portandoti alla chiusura e alla rassegnazione?

Caricarsi mentalmente dei problemi mondiali oppure di quelli che appartengono alla nostra realtà ma che ci sembrano insormontabili, non serve. Serve esserne consapevoli, certo, ma occorre muoversi diversamente nel quotidiano, ponendo attenzione alle scelte che facciamo, affinchè venga data forza alla parte costruttiva, concreta e propositiva dei pensieri e delle azioni.

Focalizziamoci su ciò che passo passo possiamo e vogliamo fare…e facciamolo!!! Diamo al nostro agire una accezione positiva, siamo resilienti di fronte agli accadimenti…Così facendo potremmo accorgerci che non sarà più necessario sperimentare attraverso la sofferenza.

L’autoironia porta a guardare noi stessi trasformando la drammaticità del momento in uno sguardo gentilmente e amorevolmente distaccato, ridimensionando il nostro sentire, e riportandoci ad una nuova consapevolezza.

La leggerezza così acquisita darà un passo nuovo al vivere e al senso del vivere…camminare a mente aperta e a cuor leggero…situazioni che l’essere umano comune pensa debbano essere vissute nel negativo, nel proprio percorso di vita, in realtà non ne faranno più parte, perderanno interesse, quindi non esisteranno più.

Sarai tu che sceglierai liberamente quali relazioni, emozioni, situazioni vorrai condividere e vivere…decidi di mettere il Sorriso !

Grazie…Namastè…
Sabrina e Samantha

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *